Decompressione e Tabelle


Tabelle US NAVY Rev. 6 e HSE di Fabrizio Pirrello

21/11/2016

IDSA Rivista Nell'Aprile 2008 la US NAVY rilascia aggiornamento 6.0 del US NAVY Diving Manual. La più evidente novità è la revisione delle tabelle di decompressione ad aria. Nell'introduzione è chiaro che i cambiamenti si sono resi necessari a seguito di un'incidenza di rischio ritenuta inaccettabile nella subacquea militare e commerciale legata all'impiego delle vecchie tabelle US NAVY ed a seguito degli studi del NEDU. Il risultato finale: una revisione profonda di tabele e procedure d'immersione rispetto alla precedente versione del US NAVY Diving Manual. 

La HSE, dopo consulti con rappresentanti del mondo della subacquea industriale e medici iperbarici, è giunta

[Continua]


US NAVY : dalle tabelle al computer da immersione

04/05/2015

US NAVY : dalle tabelle al computer da immersione

[Continua]


Tabelle US NAVY Standard - "Il concetto di standard"

01/02/2015

Tabelle US NAVY Standard - "Il concetto di standard" di Fabrizio Pirrello 

[Continua]


Modello Decompressivo VVAL 18

17/09/2013

Il Modello Decompressivo VVAL 18

Come abbiamo già visto in un precedente capitolo esistono due teorie per la decompressione:
il sistema compartimentale (elaborato dal prof. Buhlman partendo dagli studi del prof. Haldane creatore delle tabelle U.S. Navy), e il sistema a controllo della formazione e sviluppo delle bolle (Varying Permeabilità Model – VPM, Reduced Bubbole Gradient Model – RGBM, Tissue Bubble Dynamics Model – TBDM)

Concentriamoci adesso sul modello compartimentale o meglio su un modello compartimentale modificato: il VVAL 18.

 

[Continua]


Concetti Di Decompressione: L’assorbimento Del Gas Inerte

10/06/2013

Prima di occuparci di come il gas inerte viene eliminato dal nostro organismo, cerchiamo di capire come fa il gas ad entrare nel nostro corpo (passaggio in soluzione del gas).
Per capire concettualmente cosa avviene ricorriamo ad un esempio. Immaginiamo di avere due contenitori che sia possibile mettere in comunicazione: uno vuoto ed uno sempre pieno. Inizialmente tra i due contenitori ci sarà una grande differenza di pressione, che andrà pian piano riducendosi man mano che il contenitore vuoto si riempie. Al ridursi della differenza di pressione si ridurrà anche la velocità con la quale si riempie

[Continua]


Concetti Di Decompressione: Compartimenti O Bolle?

10/06/2013

Ai fini del calcolo della decompressione è importante tenere conto della:
durata dell’immersione calcolata dal momento dell’entrata in acqua fino alla prima tappavelocità di discesa sul fondo (una discesa rapida schiaccia le microbolle, una discesa lenta fa sì che i tessuti che assorbono l’azoto più lentamente comincino a caricare il gas inerte già durante la discesa)Esistono due approcci per il calcolo della decompressione:il sistema compartimentale (elaborato dal prof. Buhlman partendo dagli studi del prof. Haldane creatore delle tabelle U.S. Navy), il sistema a controllo della formazione e sviluppo delle

[Continua]


Computer Da Immersione Con Algoritmo Compartimentale O Con Sistema A Controllo Della Formazione E Sviluppo Delle Bolle

10/06/2013

Esistono due approcci per il calcolo della decompressione:il sistema compartimentale (elaborato dal prof. Buhlman partendo dagli studi del prof. Haldane creatore delle tabelle U.S. Navy), il sistema a controllo della formazione e sviluppo delle bolle (Varying Permeability Model – VPM, Reduced Bubble Gradient Model – RGBM, Tissue Bubble Dynamics Model – TBDM)Applichiamo questo ragionamento ad un computer da immersione che utilizzi un algoritmo compartimentale. Teniamo presente la formula delle pressioni parziali per gas azoto PN2 = FN2 x P Dove:PN2 = pressione parziale dell’azotoFN2 = frazione dell’azotoP =

[Continua]


DEEP STOP e Tabelle US NAVY di Fabrizio Pirrello

31/12/2012

Replicai alla ragazza che poneva la domanda citando la regola di applicazione delle Tabelle US NAVY:

ogni ritardo di arrivo alla prima tappa decompressiva va computato nel tempo di fondo (cioè aggiunto al tempo di fondo). Pertanto interpretazioni sulle prescrizioni delle Tabelle stesse non sono accettabili e nemmeno suffragate da evidenze scientifiche. 

Nel corso della lezione avevo riportato anche una sperimentazione sul campo condotta dalla US NAVY che ha in dotazione numerosi mezzi e subacquei con caratteristiche omogenee (campione rappresentativo rispetto al concetto di STANDARD che si ritrova nella stessa definizione di Tabelle US NAVY).

[Continua]