HSE, IDSA e IMCA: chi sono e cosa fanno.

17/03/2013

HSE, IDSA e IMCA: chi sono e cosa fanno.


Health and Safety Executive (HSE) è un ente pubblico della Gran Bretagna, che si occupa dell’emanazione di Norme per la tutela e la sicurezza della salute dei lavoratori, anche subacquei, emettendo per la prima volta nel 1981 una normativa fungente allora da guida e da riferimento nel settore, la “Diving Operations at Work Regulations 1981” (SI 1981 / 399) ISBN 0 11 016399 0.
Nei due decenni successivi, vennero apportate a questa normativa base, ulteriori affinamenti concettuali e formali, con progressive modifiche  e maggiori dettagli, vennero  inseriti negli aspetti formativi e certificativi degli operatori, minime richieste alle organizzazioni che si occupavano dell’addestramento degli stessi. Dettagli e disposizioni in questo senso furono diffuse da HSE (Health & Safety Executive) in diverse pubblicazioni tra le quali “Training standards to meet Parts I, II, III, IV. 1986” e “HSE’s Recognition Standards For Diver Training Organisations. 1996”.
Per quanto riguarda IMCA ed IDSA, esse sono delle associazioni private di categoria, ecco la loro storia brevemente: Per tutta la durata degli anni '80 due organismi internazionali rappresentati da una associazione dei maggiori contrattisti di lavori subacquei, operanti nelle aree nordeuropee, sotto il nome di AODC (Association of Offshore Diving Contractors) e da una equivalente associazione di contrattisti delle aree nordamericane, sotto il nome di ADC (Association of Diving Contractors), si erano affiancati alle strutture formative e alle agenzie di stato, per meglio sviluppare e affinare criteri e programmi di addestramento e formazione degli operatori subacquei.  Nel 1995 AODC  (Association of Offshore Diving Contractors), esistente dalla seconda metà degli anni '70, scomparve fondendosi con DPVOA (Dynamic Positioning Vessel Owner Association) per costituire IMCA (International Marine Contractors Association), consolidando il proprio peso e la propria autorità in campo operativo ed esecutivo, ma perdendo competenza e reputazione in campo formativo.
IMCA certifica le imprese e alcuni percorsi formativi che riguardano alcune certificazioni e specializzazioni di figure di superficie (IMCA D 020 per Diver Medic Training e IMCA D 005/013 IMCA per Air Diving Supervisor e IMCA Bell Diving Supervisor, ecc), ma non percorsi per Commercial Diver o per OTS. In questi casi, semplicemente, adotta i riconoscimenti dell’HSE.
Dall’inizio degli anni '90 si era andata formando e costituendo una corrispondente associazione di specialisti nella formazione professionale subacquea, per iniziativa di Alan Bax, direttore della scuola professionale di Fort Bovisand in Inghilterra. L'associazione che riuniva,  sotto il nome di IDSA (International Diving Schools Association), diverse realtà nel settore subacqueo industriale a livello internazionale, acquisì un crescente numero di membri riconosciuti e consolidò il proprio peso e la propria autorità ponendosi a bilanciare, con la propria competenza nel settore formativo, la competenza di IMCA nel settore operativo.
IDSA certifica i percorsi formativi del Commercial Diver (la qualifica dell’OTS è la parte iniziale di questo percorso formativo), nei vari livelli di formazione. I percorsi formativi dell’IDSA sono stati adottati dai paesi AUSTRIA, BELGIO, OLANDA, e paesi scandinavi (DANIMARCA, FILANDIA, NORVEGIA, SVEZIA), inoltre in tutto il mondo ci sono attualmente 19 scuole riconosciute ufficialmente dall’IDSA, sottoposte a controlli per l’applicazione di questi standard formativi, che vengono annualmente aggiornati, seguendo le esigenze delle imprese e le novità del settore, a livello internazionale. Gli aggiornamenti annuali vengono approvati durante i meeting annuali, che IDSA svolge in uno dei paesi di residenza delle scuole IDSA, dove oltre alle scuole Full Members possono partecipare anche i membri associati, affiliati o Industrial member che rappresentano imprese del settore.