INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SENATORE ARACRI SU "OTS FASULLI"

23/08/2015

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SENATORE ARACRI  SU "OTS FASULLI"


Ancora in attesa di risposta l'Interrogazione parlamentare al senato del senatore Aracri, sull'accettazione di corsi OTS "fasulli" da parte di alcune capitaneria di porto in Italia. In particolare l'atto di Sindacato Ispettivo n° 4-02769, presentato il 7 ottobre 2014 (http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=804120), fra le altre cose, dice ..."si è constatato che moltissime Capitanerie di porto negli ultimi anni abbiano accettato "certificati" non conformi a quanto sopra, specialmente quelli rilasciati in seguito ad esami effettuati con procedimenti meramente privati, senza che all'interno delle commissioni di esame partecipassero rappresentanti delle istituzioni così come previsto dalla legge;
vi sono certificazioni rilasciate a seguito di corsi realizzati in 17 giorni con inclusi gli esami finali o, addirittura, corsi di 4 week-end; certificazioni che non vengono repertoriate e registrate presso un ente pubblico ma recano solo con la firma di un rappresentate dell'ente o di un assessore provinciale che li sigla in data successiva allo svolgimento degli esami all'interno dell'ente" 
.... 
Aspettiamo la risposta del senato a questo atto ispettivo, che farà un po di "pulizia" in questo settore, distinguendo chi ha certificazioni fasulle, quindi ha commesso dei reati di tipo penale, come riporta il senatore Aracri nella sua interrogazione ..."la certificazione di "Operatore Tecnico Subacqueo" o "OTS", con relativa iscrizione al registro sommozzatori presso una Capitaneria di porto rappresenta l'appartenenza ad una categoria professionale tutelata dalle leggi italiane sull'esercizio abusivo di una professione, e in particolare dagli articoli 348 del codice penale, rubricato "Abusivo esercizio di una professione" che recita: «Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da centotre euro a cinquecentosedici euro», e dall'articolo 110 del codice penale, rubricato "Pena per coloro che concorrono nel reato" che recita: «Quando più persone concorrono nel medesimo reato, ciascuna di esse soggiace alla pena per questo stabilita, salve le disposizioni degli articoli seguenti». Quest'ultima disposizione coinvolge anche le Capitanerie di porto che hanno accettato iscrizioni non conformi a quanto previsto dalla legislazione attuale;" ...
C'è bisogno di un forte segnale che riporta nella legalità, per poter parlare di crescita, un settore che è rimasto indietro ormai da troppo tempo.